Guida 2015 allo Sbiancamento dei Denti

DIfferenza di colore prima e dopo un trattamento sbiancanteLo sbiancamento dentale è una procedura comune in odontoiatria generale. Secondo le definizioni più diffuse, per sbiancamento s’intende il ripristino del colore naturale dei denti o un’imbiancatura superiore rispetto al colore naturale. Ci sono molti metodi disponibili, come spazzolatura, strisce sbiancanti, penna sbiancante, gel sbiancante, “candeggio” e laser (luce blu). Sbiancamento dei denti è diventato la procedura più richiesta in odontoiatria estetica oggi. Più di 100 milioni di americani sbiancano i denti in un modo o nell’altro, spendendo una cifra superiore ai 12 miliardi di Euro annuali.

Metodi sbiancanti utilizzano perossido di carbamide, che reagisce con l’acqua formando perossido d’idrogeno. Perossido di carbamide ha circa un terzo della forza di perossido d’idrogeno. Ciò significa che una soluzione al 15% di perossido di carbamide è l’equivalente di una soluzione al 5% di perossido d’idrogeno. L’agente ossidante perossido penetra nelle porosità nella struttura cristallina astiforme di smalto e rompe depositi macchia nella dentina. Potenza sbiancamento utilizza la luce per accelerare il processo di sbiancamento in uno studio dentistico. Un altro agente sbiancante è 6-ftalimmido-perossi-esanoico.

Sbiancamento dei denti non è un’invenzione moderna. Gli antichi romani, per esempio, utilizzavano urine e latte di capra, nel tentativo di rendere e mantenere i denti più bianchi.

scaletta delle gradazioni di bianco dello smaltoDenti decidui di un bambino sono generalmente più bianchi dei denti adulti che seguono. Come una persona matura, i denti adulti diventano spesso più scuri a causa di cambiamenti nella struttura minerale del dente, come lo smalto diventa meno poroso e i fosfati cominciano a divenire carente. I denti possono macchiarsi di pigmenti batterici, cibi e verdure ricche di carotenoidi. Alcuni farmaci antibatterici come le tetracicline possono causare macchie ai denti o una riduzione della brillantezza dello smalto. L’ingestione frequente di liquidi colorati come caffè, tè, e il vino rosso può anche scolorire i denti.

Altre cause includono:

  • Tetracicline
  • Ipoplasia dello smalto
  • Fluorosi
  • Età del dente: i denti diventano più gialli o opachi e generalmente hanno una tonalità più scura, di solito dopo cinquanta
  • Caffè
  • Tabacco, sia fumato che masticato
  • Vino e bevande scure consumate in eccesso
  • Alcune bevande sportive
  • Altri alimenti e prodotti del tabacco orali con forte contenuto di pigmenti
  • Clorexidina (battericida e batteriostatica chimica utilizzata come antisettico incollutori e dentifrici per il trattamento della gengivite e alitosi). Clorexidina non macchia i denti, distrugge i batteri nella placca, permettendo ad altri agenti di colorazione per scolorire l’accumulo se la placca non è rimossa.

Metodi di sbiancamento dei denti

Secondo l’American Dental Association (ADA), diversi metodi includono sbiancamento ambulatoriale, che è applicata da un dentista professionale nel proprio studio; lo sbiancamento dmestico, che è utilizzato a casa dal paziente; in vendita libera (senza prescrizione medica), che è applicato dai pazienti; e possibilità chiamate non-dentali, che sono offerte presso centri commercial, chioschi, terme, saloni etc.

L’ADA raccomanda di aver i denti controllato da un dentista prima di qualsiasi metodo di sbiancamento. Il dentista dovrebbe esaminare il paziente a fondo: analizzare la salute e la storia dei denti (comprese allergie e sensibilità), osservare i tessuti duri e molli, la disposizione e le condizioni di restauri, e, talvolta, effettuare radiografie per determinare la natura e la profondità delle possibili irregolarità.

sorriso bianco con scalettaLe scalette di gradazione del bianco sono utilizzate per misurare il colore dei denti. Queste tonalità determinano l’efficacia della procedura di sbiancamento, che può variare da due a sette tonalità. Gli effetti di sbiancamento possono durare per diversi mesi, ma possono variare a seconda dello stile di vita del paziente. Dentiere possono essere sbiancati utilizzando detergenti protesi.

Bianco loco decalcificazione può essere evidenziata e diventare più evidente subito dopo un processo di merlano, ma con successive applicazioni le altre parti dei denti di solito diventano più bianchi e le macchie meno evidenti. Sbiancamento non è raccomandato se denti hanno carie o gengive infette. E ‘meno efficace quando il colore del dente originale è grigio e può richiedere vassoi sbiancamento personalizzati. Lo sbiancamento è più efficace con il giallo denti scoloriti. Tuttavia, decolorante non funziona se è stata utilizzata incollaggio né è efficace dente di riempimento colore. Altre scelte per affrontare questi casi sono le faccette in ceramica o bonding dentale.

Colorazione interna della dentina può scolorire i denti da dentro e fuori. Sbiancamento interno può rimediare a questo su canalari denti trattati. Se la colorazione pesante o danni tetraciclina, è presente sui denti del paziente, e sbiancamento è inefficace (tetraciclina colorazione può richiedere imbianchimento prolungato, come ci vuole più tempo per la candeggina per raggiungere lo strato di dentina), ci sono altri metodi di nastro macchia. Bonding, che anche maschere macchie dente, è quando un sottile rivestimento di materiale composito viene applicato alla parte anteriore dei denti di una persona e poi curato con una luce blu. Un rivestimento può anche mascherare colorazione dei denti.

Per essere al corrente delle ultime tendenze, consulta la pagina dedicata all’odontoiatria cosmetica.

Sbiancamento Presso il Dentista

Dentista che effettua sbiancamento su pazienteIn-office sbiancamento generalmente utilizza uno strato protettivo fotopolimerizzabile che è accuratamente dipinto sulle gengive e papilla (le punte delle gengive tra i denti) per ridurre il rischio di ustioni chimiche ai tessuti molli. L’agente sbiancante è perossido di carbamide, che scompone in bocca per formare perossido d’idrogeno o perossido d’idrogeno stesso. Il gel sbiancante contiene tipicamente tra il 10% e il 44% di perossido di carbamide, che è approssimativamente equivalente al 3% al 16% di concentrazione di perossido d’idrogeno.

Sbiancamento Laser

Potenza o sbiancamento light-accelerato, a volte conosciuto come sbiancamento laser (un malinteso comune dal laser è una tecnologia più vecchia che è stato utilizzato prima sono state sviluppate tecnologie attuali), utilizza l’energia della luce per accelerare il processo di sbiancamento in uno studio dentistico. Diversi tipi di energia possono essere utilizzati in questo procedimento, con l’alogeno più comune, LED o plasma.

Studi clinici hanno dimostrato che tra queste tre opzioni, luce alogena è la migliore fonte per la produzione di risultati ottimali di trattamento. La fonte ideale di energia dovrebbe essere ad alta energia per eccitare le molecole di perossido senza surriscaldare la polpa del dente. Le luci sono tipicamente entro lo spettro di luce blu come questo è stato trovato per contenere le lunghezze d’onda più efficaci per iniziare la reazione di perossido d’idrogeno.

Un trattamento potere sbiancante genere comporta l’isolamento dei tessuti molli con una base di resina, fotocellula-curabili, applicazione di un perossido d’idrogeno dentale qualità professionale sbiancamento gel (25-38% di perossido d’idrogeno), e l’esposizione alla fonte di luce per 6- 15 minuti. I recenti progressi tecnici hanno minimizzato emissioni di calore e ultravioletti, permettendo una procedura più breve preparazione del paziente. La maggior parte dei denti potere sbiancanti trattamenti può essere fatto in circa trenta minuti a un’ora, in una sola visita di un medico dentale. Leggi la notra guida per saperne di piu’.

Critiche Generali

Per molti anni associati di ricerca clinica hanno studiato l’effetto di luce e calore in sbiancamento. L’ultimo dei loro studi è stato pubblicato nella CRA Newsletter marzo 2003, in cui sono riportate le caratteristiche dei diversi sistemi di sbiancamento in carica con la luce. La seguente citazione comprende parte delle conclusioni CRA da quella newsletter: “L’uso delle luci secondo le istruzioni del produttore non è migliorato sbiancamento per qualsiasi sistema collaudato.”

Sistemi testati nello studio CRA erano: LaserSmile, LumaArch, Niveous, Opalescence Xtra Boost, PolaOffice, Rembrandt 1 ora Sorriso-Whitening Programma, e Zoom. Non sono ancora stati completati Prove su BriteSmile. In questi studi, l’uso luce non accelerare o aumentare lo sbiancamento rispetto all’uso dei soli sbiancanti chimici. La leggera differenza di colore del dente osservata come risultata di sbianca con luci e perossido d’idrogeno rispetto candeggio con perossido d’idrogeno solo sembra essere temporanea e causata da disidratazione della luce e riscaldamento dei denti.

Dopo un paio di giorni o settimane, non sembra esserci alcuna differenza significativa tra ombra denti sbiancati con luci e quelli sbiancata senza luci. Sebbene la ricerca varia sull’efficacia d’imbianchimento con luci, molte delle luci utilizzate per carica sbiancamento sembra essere principalmente un fattore psicologico per il paziente.

Sbiancamento Interno

Le procedure di sbiancamento interne sono eseguite su denti devitalizzati che hanno subito un trattamento endodontico (come ad esempio la cura di cavità), ma sono scoloriti a causa della colorazione interna della struttura del dente attraverso il sangue e altri fluidi infiltrati. A differenza Dello sbiancamento esterno, che schiarisce la superfice frontale (visibile) del dente, lo sbiancamento interno schiarisce i denti all’interno, effetto che si manifesta anche esteriormente grazie alle proprietà’ translucenti del dente stesso.

Il cosiddetto “bleaching”, o candeggio, del dente comporta internamente un foro alla camera pulpare, pulizia, sigillatura, e riempiendo il canale radicolare con una sostanza simile alla gomma, e ponendo un perossido gel o sodio perborato tetraidrato nella camera pulpare modo che possano lavorare direttamente all’interno del dente sullo strato dentina. In questa variante di sbiancamento dell’agente sbiancante è sigillato all’interno del dente per un periodo di alcuni giorni e sostituito se necessario.

Sbiancamento Fai-da-te Domestico

Prodotti sbiancanti commerciali destinati a uso domestico comprendono gel, gomme da masticare, risciacqui, dentifrici, tra gli altri. L’ADA ha pubblicato un elenco di prodotti sbiancanti liberamente ottenibili per aiutare le persone scelgono appropriati prodotti sbiancanti. I prodotti listati non sono necessariamente stati testati indipendentemente per efficacia.

Metodi Naturali di Sbiancamento

Ci sono molti modi naturali popolari per sbiancare i denti. Alcuni denti naturali che imbiancano metodi possono essere molto delicati sui denti, mentre altri possono portare a danni smalto. Un tipo efficiente naturale sbiancamento denti è attraverso l’utilizzo di acido malico.

Mele, sedano e carote sostenere e aiutare lo sbiancamento dei denti, come si comportano come smacchiatori naturali, aumentando la produzione di saliva (agente autopulente della bocca) e macchia i denti puliti. Aiutano a mantenere un alito fresco uccidendo i batteri che producono l’alitosi. Il succo di mele, in particolare mele verdi, contiene acido malico.

Rischi ed Effetti Collaterali

Gli effetti collaterali di sbiancamento dentale includono, ma non sono limitati a:

  • Le ustioni chimiche da gel sbiancante (se ad alta concentrazione di ossidante Contatti Agente tessuti non protetti, che possono candeggina o scolorire le mucose), denti sensibili.
  • Overbleaching noto nella professione come “effetto sbiancato”, in particolare con i trattamenti intensivi (prodotti che forniscono un grande cambiamento di colore dei denti per un periodo di trattamento molto breve, ad esempio, un’ora)
  • Il dolore per “denti sensibili” causati da tubuli dentinali aperti.
  • Rischio di aumento della sensibilità caldo / freddo.

Un recente studio condotto da Kugel et al. ha dimostrato che quasi la metà della variazione iniziale di colore fornita da un trattamento intensivo in carica (cioè, un trattamento ora sulla sedia di un dentista) può essere perso in sette giorni. Il ritorno è vissuto quando gran parte dello sbiancamento dei denti ha, provengono da denti disidratazione (anche un fattore significativo nel causare sensibilità). Come il dente reidrata, dente di colore ‘rimbalzi’ indietro verso dove è iniziato.

Gli effetti collaterali che si verificano più frequentemente sono un aumento temporaneo sensibilità dei denti e irritazione dei tessuti molli della bocca, in particolare le gengive. Sensibilità dente si verifica spesso durante le prime fasi del trattamento sbiancante.

Irritazione dei tessuti più comunemente il risultato di un vassoio di portavoce del malato-montaggio piuttosto che l’agente dente sbiancante. Entrambe queste condizioni di solito sono temporanee e scompaiono entro 1-3 giorni dalla sospensione o il completamento del trattamento. Gli individui con denti sensibili e gengive, gengive sfuggente e / o restauri difettosi devono consultare il proprio dentista prima di utilizzare un sistema di sbiancamento dei denti.

Le persone che sono sensibili al perossido d’idrogeno (l’agente sbiancante) non dovrebbero provare un prodotto sbiancante senza prima di consultare un dentista. Inoltre, l’esposizione prolungata ad agenti sbiancanti può danneggiare lo smalto dei denti. Ciò è particolarmente il caso di porre rimedio a casa prodotti sbiancanti che contengono acidi della frutta e spazzolatura con abrasivi come il bicarbonato di sodio.

Sbiancamento dei denti di solito non cambia il colore di otturazioni e altri materiali di restauro. Non interessa porcellana, altre ceramiche, o oro dentale. Tuttavia, può influenzare leggermente restauri realizzati con materiali compositi, cementi e amalgami dentali. Sbiancamento dei denti in grado di ripristinare il colore di otturazioni, porcellane, ceramiche e altri quando diventano colorate con cibi, bevande, e il fumo, tra le altre attività.
Sbiancamento non è raccomandato nei bambini di età inferiore ai 16 anni.

Questo è perché la camera di polpa o nervo del dente, s’ingrandisce fino a questa età. Sbiancamento dei denti in questa condizione potrebbe irritare la polpa o causare a diventare sensibile. Sbiancamento dei denti non è raccomandato nelle donne in gravidanza o in allattamento.

Principi Attivi

Vari agenti chimici e fisici possono essere utilizzati per sbiancare i denti. Il dentifricio ha tipicamente piccole particelle di silice, ossido di alluminio, carbonato di calcio, fosfato di calcio o per macinare le macchie formate da molecole colorate che hanno assorbito sui denti da alimentare. A differenza di sbiancanti, dentifricio sbiancante non altera il colore intrinseco dei denti.

Sbianca soluzioni contiene perossido, che sbianca lo smalto dei denti per cambiare il colore. I prodotti tipicamente si basano su una soluzione di perossido di carbamide varia in concentrazione dal 10% al 44%. Sbianca soluzioni possono essere applicate direttamente ai denti, inglobate in una striscia di plastica che è posta sui denti o utilizzano un gel tenuto in posizione da un proteggi-bocca.

Perborato di sodio è usato anche come agente sbiancante dente.
Studi hanno dimostrato che il perossido d’idrogeno è un irritante e citotossico. A concentrazioni del 10% o superiore, il perossido d’idrogeno è potenzialmente corrosivo per le mucose o la pelle e può causare una sensazione di bruciore e di tessuto danni.

La FDA approva solo gel che sono sotto il 6% di perossido d’idrogeno o 16% o meno di perossido di carbamide. Il comitato scientifico per la tutela dei consumatori dell’UE considera gel contenenti concentrazioni più elevate rispetto questi per essere pericoloso.

Ci sono prodotti non-perossido sul mercato che può aiutare a sbiancare i denti.